giovedì 15 ottobre 2009

svegliamoci!!!

Riporto l'appello contro le offese del belusconismo alla dignità, all'intelligenza, all'autonomia delle donne.


QUEST'UOMO OFFENDE NOI DONNE E LA DEMOCRAZIA: FERMIAMOLO È ormai evidente che il corpo della donna è diventato un’arma politica di capitale importanza, nella mano dei Presidente del consiglio. È usato come dispositivo di guerra contro la libera discussione, l’esercizio di critica, l’autonomia del pensiero. La donna come lui la vede e l’anela è avvenenza giovanile, seduzione fisica, ma in primissimo luogo è completa sottomissione al volere del capo. È lì per cantare con il capo, per fare eco al capo, per mettersi a disposizione del capo, come avviene nelle fiere promozionali o nei dispotismi retti sul culto della personalità. Le qualità giudicate utili per gli show pubblicitari si trasformano in doti politiche essenziali, producendo indecenti confusioni di genere: ubbidienza e avvenenza diventano l’indispensabile tirocinio per candidarsi a posti di massima responsabilità. Diventano il burqa gettato sul corpo femminile, per umiliarlo sulle scene televisive e tramutarlo in arma che ferisce tutti e tutto. Contro questa cretinizzazione delle donne, della democrazia, della politica stessa, protestiamo. Quest’uomo offende le donne e la democrazia. Fermiamolo.
Michela Marzano
Barbara Spinelli
Nadia Urbinati

2 commenti:

  1. forse solo voi lo potete fermare, forse

    RispondiElimina
  2. Già, ma ormai ovunque una cultura subdula di sottomissione, accettazione si è diffusa, chi cerca di ribellarsi è solo la solita "rompi scatole..."

    RispondiElimina